Italian Perl Workshop 2009: resoconto di un organizzatore

| No Comments

A recensire il workshop dovrebbero essere i partecipanti e non gli organizzatori, pertanto mi asterrò quasi da ogni giudizio e scriverò quanto segue più come un diario personale dei giorni dell' Italian Perl Workshop 2009.

Arrivato a Pisa due sere prima del workshop assieme a Sabrina, Peppe si è offerto di portarci in giro a birre. Caso ha voluto che anche Mark Keating (mdk) e Matt Trout (mst) fossero giunti in città con tale anticipo così ne è uscita una piacevole serata di cena in un simpatico locale di cui non ricordo il nome seguita da birre varie allo Spaventapasseri. È stata una buona occasione per capire meglio Reaction, grazie alla lunga ed interessante spiegazione di mst.

Abbiamo trascorso in pratica l'intero mercoledì al CNR o in vari negozi ad acquistare materiale per il workshop. Appena ho visto l'auditorium mi è sembrato una cosa incredibile: è stato semplicemente fantastico vedere che eravamo riusciti ad ottenere (peraltro gratuitamente) una venue di tale livello. Qui va dato merito a bepi di essersi occupato della questione. Tra la preparazione delle borse e la sistemazione dei cartelli (che poi ci hanno anche fatto togliere, sik), abbiamo tirato un'ora sufficientemente tarda da permetterci il trasferimento al mai troppo lodato Orzo Bruno per cena + birre. Quest'anno, oltre ad essere sede del meeting pre-workshop, la birreria in questione era il luogo fissato per la storica firma dell'Atto Costitutivo di Perl.It: ben 13 di noi dovevano apporre il proprio segno sul pezzo di carta! È stato un gran momento, atteso da anni, al quale tra l'altro hanno fatto da testimoni vari attendees internazionali: oltre ai già citati mdk e mst, c'erano anche virtualsue e Tim Bunce.

Alzarsi (alle 7) il primo giorno del workshop è stata sufficientemente dura, anche a causa delle copiose pinte di birre artigianale della sera rima. In ogni caso stavo entrando in quella che mi piace chiamare la "forma workshop" e la stanchezza stava sparendo. Man mano che l'orario di "apertura dei cancelli" si avvicinava diventavo più curioso di vedere se l'evento sarebbe stato assaltato o ci sarebbe stato un afflusso graduale: con oltre 200 iscritti sul sito, ci si poteva attendere di tutto. Per evitare che io mio perdessi troppo in questi pensieri, dakkar mi ha spedito ad appendere cartelli di indicazione dalla fermata del bus fino al CNR: da solo, sotto la pioggia battente e senza ombrello. Dopo un primo momento di buon ammassamento di fronte ai banchi di registrazione, la situazione si è normalizzata, facendo prevedere un afflusso piuttosto graduale: le persone sono in effetti arrivate un po' alla spicciolata durante la mattina (ed in parte durante quella successiva). Sono persino riuscito a seguire qualche intervento, ed ho spedito Sabrina al corso di larsen: ci ha provato per un paio d'ore e poi ha desistito, evidentemente la programmazione non è per lei. Sul finire del pomeriggio ho tenuto i miei due lightning talk: Perl.It wants you e Perl e vicinanze in Gentoo Linux.
Brevissima sosta in hotel e pronti-via verso il ristorante per le cena dei partecipanti: mangiato direi alla grande per quanto in quantità forse eccessiva: in molti hanno lasciato lì buona parte del secondo. A fine cena mst ha trascinato me ed altri in centro per qualche pinta celebrativa fino all'1, ora di chiusura dei locali di Pisa nei giorni infrasettimanali.

Secondo giorno di workshop ed altra levataccia: bepi, pur non avendo tirato tardi la sera prima, non si è presentato puntuale a colazione così ho fatto da solo ed ho poi preferito andare al CNR a piedi (due passi ci volevano, e per puro caso in quel momento c'era uno sprazzo di cielo sereno). Sabry ha deciso di dedicare la giornata ad un giro in centro con shopping, per presentarsi al CNR giusto per l'asta di chiusura. Al mattino sono riuscito a seguire il talk di polettix su Amazon::S3, al termine del quale peppe ha dovuto esibire il cartello di ALT a me e ferz che ormai avevamo dato vita ad un talk tutto nostro. :-) A differenza del giorno precedente, il giovedì sono persino riuscito a pranzare, con joel e mirod, in un piacevole ristorantino vicino alla venue, dove abbiamo mangiato bene e avuto qualche problema con le ricevute fiscali. Il pomeriggio è stato allietato dall'allucinante (in senso positivo) talk di mst dal nome Antiquated Perl, e poi mi sono un po' rilassato in zona reception fino all'asta finale. Qui non mi sono fatto mancare nulla, acquistando 3 libri ed un presenter... ho speso, ma comunque meno rispetto al 2008 quando mi ero decisamente rovinato. Alla fine di tutto, quando alla soddisfazione si mescola anche un po' di ovvia malinconia, non resta che smontare faticosamente tutto (ed andare a togliere i cartelli fino alla fermata del bus ovviamente...), chiacchierando su cosa è andato bene e su cosa si può migliorare. Tanto per gradire, siamo andati poi a finire all'Orzo Bruno, dove c'erano anche gran parte dei partecipanti che rimanevano a Pisa anche quella sera, mangiando qualcosa e festeggiando l'ottima riuscita anche di quest'edizione dell'Italian Perl Workshop.

Alla fine di tutto: 124 partecipanti (che ringrazio) in 2 giorni di convegno; 3 tracce contemporanee il primo giorno, 2 il secondo; metà interventi in inglese e metà in italiano. E la YAPC::EU 2010 da organizzare a Pisa il prossimo anno. In definitiva, credo proprio che ci sia di che essere soddisfatti.

Leave a comment

About this Entry

This page contains a single entry by Michele Beltrame published on October 29, 2009 2:35 PM.

È nata l'Associazione Perl.It was the previous entry in this blog.

ack: un grep (molto) migliorato is the next entry in this blog.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Categories

Pages

OpenID accepted here Learn more about OpenID
Powered by Movable Type 5.14-en