Pocket Perl

| No Comments

Pocket Perl
Stefano Rodighiero
Apogeo, 2008
ISBN: 978-88-503-2778-2
€ 7.90

Rating: 4.5/5

Pocket Perl ha due virtù immediatamente riconoscibili: il prezzo contenuto ed il piccolo formato. Quest'ultima caratteristica fornisce al novizio di Perl che si accinge alla lettura un'idea di "snellezza" che lo spinge a cimentarsi nell'impresa, a differenza di un testo di grosse dimensioni che potrebbe scoraggiare qualcuno.

Va bene, siamo solo alle apparenze per ora. Il contenuto sarà ciò che ci si aspetta, e cioè una guida chiara, sufficientemente sintetica ma al contempo approfondita al punto giusto, per imparare Perl? Andiamo dunque ad indagare.

Intelligentemente, il libro non parte subito parlando di Perl come linguaggio: la prima cosa che assomiglia ad un "Hello, World" è infatti a pagina 10 (e si tratta solo di un test per verificare che l'installazione sia funzionante, l'"Hello World" vero è a pagina 15). Prima di ciò viene sinteticamente indicato come installare l'interprete, e soprattutto vengono messi in evidenza i punti di forza di Perl non relativi al linguaggio in sé. Anzitutto Rodighiero parla di CPAN, l'immenso archivio di moduli Perl che è opportuno che ogni sviluppatore o aspirante tale impari ad utilizzare sin dall'inizio; a questo scopo vengono fornite preziose indicazioni su come configurare CPAN, scaricare ed installare i moduli. Il secondo punto di forza svelato è la community: è altamente probabile che attorno a Perl ruoti una delle più interessanti comunità di sviluppatori nel mondo dei linguaggi di programmazione, e qui ne vengono indicati i principali "punti di ingresso" a livello italiano ed internazionale. Infine, viene presentato l'immenso mondo della documentazione fornita con l'interprete, vera e propria colonna portante della distribuzione.

La trattazione relativa agli aspetti del linguaggio, pur trovandoci di fronte ad un libro tascabile, è alquanto articolata e rigorosa: si spazia dalle basi fino ad oggetti, regular expression e persino vere e proprie "chicche" come la trasformata di Schwartz. Il capitolo 8, inoltre, fornisce un'interessante panoramica su quanto disponibile per quanto riguarda programmazione web, GUI, ed altre interazioni della propria applicazione con il mondo esterno - chiaramente, in questo caso, viene solo scalfita la superficie dei singoli argomenti.

I contenuti sono piuttosto aggiornati, pertanto tutte le principali caratteristiche della versione 5.10 di perl vengono trattate. È un peccato che alcune tecnologie, come Moose (qui comunque accennato) e DBIx::Class (al posto del quale qui viene proposto il più rudimentale Class::DBI) si siano consolidate solo di recente e quindi non ci sia stata la chance di trattarle: andate dunque ad esplorarle su CPAN!

Nel complesso, a mio avviso Pocket Perl copre una precedente lacuna nel panorama italiano relativo a Perl, che era la mancanza di un testo "introduttivo ma non solo", chiaro e ben scritto, una guida che partisse dalle basi ma che fosse al contempo in grado di mostrare gli aspetti più interessanti del linguaggio, avvicinando nuovi programmatori a Perl. A livello di "mancanze", per quanto mi riguarda ce n'è solo una: il libro rimanda alla documentazione fornita con l'interprete quanto riguarda la gestione di stringhe Unicode. Considerata l'importanza dell'argomento ed il fatto che la documentazione in linea è spesso nebulosa, sarebbe forse stato opportuno dedicarvi una sezione.

Leave a comment

About this Entry

This page contains a single entry by Michele Beltrame published on May 5, 2009 4:59 PM.

Integrating MCImageImanager (TinyMCE) with a Perl web application was the previous entry in this blog.

Sparse thoughts on YAPC::EU 2009, Lisbon is the next entry in this blog.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Categories

Pages

OpenID accepted here Learn more about OpenID
Powered by Movable Type 5.14-en