Bar Peanut Racing

| No Comments

Venerdì scorso ero in osteria con il mio amico Fuko ed il mio ex-amico preferito Panetta. Dopo aver brindato con un Irish whisky alla memoria di George Best, leggenda del Manchester United degli anni '60, ci siamo dati all'elaborazione del regolamento per un nuovo gioco, il Bar Peanut Racing, che ora mi accingo a spiegare...

Il Bar Peanut Racing può svolgersi in qualsiasi osteria dotata di tavolini, a condizione che vi siano a disposizione delle arachidi (possibilmente gratuitamente) e che sia consentito disseminare mobili e pavimenti con le loro scorze. Una volta accumulate bucce a sufficienza, esse vanno minuziosamente triturate e poi sparse in modo da coprire l'intera superficie del tavolo. A quel punto, con un bicchiere da birra, si traccia una pista più o meno complessa. Ogni giocatore sceglie un'arachide di forma e dimensione qualsiasi e ci si posiziona tutti all'inizio del percorso; ovviamente - nemmeno serve dirlo - vince chi arriva per primo alla fine.

Le situazioni che si creano praticando questa disciplina sono tante e variegate, e quindi stiamo provvedendo alla stesura di un regolamento preliminare, di cui anticipiamo alcuni punti:

  • La pista va tracciata esclusivamente con un bicchiere da birra, che dev'essere da birra piccola, o da mezza pinta.
  • Si tira utilizzando l'indice, puntellando il pollice sul tavolo.
  • Nel malaugurato caso il peanut tirato uscisse dai margini della pista, esso andrà collocato dove si trovava prima del tiro.
  • Si possono "sbocciare" i peanut avversari, a patto di non mandarli fuori pista: in tal caso essi vanno ricoloccati nella loro locazione originaria, e così anche il peanut che ha causato il disastro.
  • La linea del traguardo (anch'essa fatta di scorze) va superata, e non solo toccata.
  • È consentito creare delle strettoie, od inserire ostacoli tipo rampe, salti, ... a patto che essi siano approvati da tutti i giocatori.

A breve verrà costituita la BPRA (Bar Peanut Racing Association) che si occuperà di definire i regolamenti, organizzare le competizioni, e vigilare sulla regolarità di ogni partita.

Leave a comment

About this Entry

This page contains a single entry by Michele Beltrame published on November 27, 2005 12:50 PM.

Tanto rumore per Tullia was the previous entry in this blog.

Connemara Peated Single Malt is the next entry in this blog.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Categories

Pages

OpenID accepted here Learn more about OpenID
Powered by Movable Type 5.14-en