The silence here is deafening

| No Comments

Tempo fa mi sono imbattuto per caso in questo diario di viaggio, a modo suo molto affascinante. Ci sono foto e commenti del viaggio di Elena, una biker ucraina, nella zona di Chernobyl, 18 anni dopo ciò che tutti ricordano. Le città sono fantasma, e le foto dei luoghi disabitati sono agghiaccianti. Ma c'è ancora qualcuno che ci abita: chi, filosofo su un sentiero tutto suo, ha deciso di accettare il rischio pur di rimanere nella casa in cui è sempre vissuto. Appena si entra nella dead zone (serve un permesso speciale) lo scenario è da post-catastrofe-nucleare. Ma, in fondo, è proprio ciò di cui si è trattato.

Leave a comment

About this Entry

This page contains a single entry by Michele Beltrame published on November 19, 2004 10:10 AM.

UTF-8 per tutti, lasciatevi travolgere! was the previous entry in this blog.

Slide del Linux Day di Pordenone is the next entry in this blog.

Find recent content on the main index or look in the archives to find all content.

Categories

Pages

OpenID accepted here Learn more about OpenID
Powered by Movable Type 5.14-en